Skip to content

JORNADESFOTOGRAFIASOCIAL.COM

Jornadesfotografiasocial

Nuova colonna di scarico


Ho quindi la necessità di creare una nuova colonna di scarico nella facciata interna del palazzo (cavedio, che allego in foto) poiché non vorrei. jornadesfotografiasocial.com › ❶ Muri Finestre Facciate. Balcone a castello e tenda verticale all'interno del muro perimetrale. Muro perimetrale · Canna fumaria su muro perimetrale - puo'. La nuova superficie, priva di giunti, FACILITA lo SCORRIMENTO delle acque. Si accede alla tubazione attraverso le ispezioni esistenti (con preventivo. Vediamo dunque di capire insieme quando in una casa è possibile realizzare un In tutte le abitazioni vi è almeno una colonna di scarico delle acque nere: nuovi wc anche a distanza di viversi metri dalla colonna di scarico, senza per.

Nome: nuova colonna di scarico
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 15.50 MB

Analisi tecnica. Gli impianti di scarico e i principali componenti Gli impianti di scarico delle acque usate sono costituiti dalla rete di tubi che servono a smaltire all'esterno del fabbricato o dell'unità abitativa, le acque provenienti dopo l'uso da lavabi, wc, docce, vasche, lavandini della cucina, ecc. In genere si fa differenza tra acque nere wc , grigie lavabi, lavabiancheria, bidet, ecc.

Attacco alla fognatura Dopo l'utilizzo dai vari apparecchi sanitari e dagli elettrodomestici, l'acqua entra nell'impianto di scarico passando per un sifone e, attraverso le tubazioni, viene convogliata in una braga.

Il sifone ha la funzione principale di evitare il ritorno dei cattivi odori in casa, mentre la braga, situata sotto il wc, è collegata alla colonna montante di scarico che, a sua volta, raggiunge il collettore di raccolta degli scarichi di tutte le colonne montanti che li convoglia nella rete fognaria alla quale è collegato tramite un sifone. La colonna montante degli scarichi necessita di uno sfiato, collocato generalmente sul tetto della casa.

Rottura delle tubazioni: le principali cause di rottura sono da imputarsi alle dilatazioni termiche che devono essere calcolate in fase di progetto e risolte usando particolari manicotti di dilatazione. Inoltre, è bene prevedere la collocazioni di pozzetti o tappi di ispezione dai quali poter agevolmente intervenire in caso di occlusione.

Le tubazioni orizzontali conducono alle colonne di scarico, ovvero alle tubazioni verticali, di solito poste in prossimità del vaso igienico. Gli sfiati sono importanti soprattutto per evitare la diffusione dei cattivi odori, mentre i pozzetti hanno diversi funzioni, tra cui quelle di snodo e raccordo, ma sono importanti anche ai fini degli interventi di ispezione e manutenzione.

Gli impianti di smaltimento delle acque reflue possono essere a tubazione unica o a tubazione doppia. Negli impianti a doppia tubazione invece sono convogliate attraverso diversi sistemi di tubazioni.

È il caso ad esempio dello spostamento del bagno in altro locale o della realizzazione di un nuovo servizio igienico. Posizionare un water lontano dalla colonna di scarico significa dover assicurare alle tubazioni orizzontali la necessaria pendenza. La parete dovrà comunque avere uno spessore di almeno 20 cm, per cui, se lo spessore è inferiore, sarà necessario realizzare una controparete anche solo per il tratto in cui sono posti i sanitari.

In ogni caso, è tecnicamente sconsigliato spostare il vaso a più di 4 metri dalla fecale esistente perché si rischia di avere una ventilazione insufficiente delle tubazioni della colonna di scarico con la conseguente possibilità di cattivi odori.

Nuovi scarichi nei condomini

Come spostare gli scarichi della cucina In linea generale, valgono per le tubazioni di scarico delle acque sporche della cucina le stesse prescrizioni illustrate per il bagno. Sfruttando questo metodo, le acque reflue ricevono la necessaria spinta, sia verticalmente sia orizzontalmente, per raggiungere la rete fognaria.

Oggi all'architetto è spesso affidato il compito di adeguare tali alloggi alle esigenze abitative odierne. Le richieste piu' frequenti riguardano la creazione di un secondo bagno e, se possibile, di una piccola lavanderia. Nella maggior parte dei casi le abitazioni si prestano abbastanza facilmente a ritagli di spazi, poiché le superfici standard dei vani di quel periodo erano superiori alle dimensioni medie delle stanze che progettiamo ora.

In queste situazioni il vero problema è costituito dagli scarichi. Sarà pertanto opportuno effettuare una prima ispezione dell'impianto al fine di individuare il diametro della colonna comune e verificare se è in grado di sopportare l'aggiunta di nuovi scarichi.

E' legittima l'apposizione di una colonna di scarico nel muro perimetrale

Tale accertamento è necessario soprattutto in condomini con molti piani, al fine di evitare un sovraccarico di acque che potrebbero confluire contemporaneamente. In secondo luogo, si presenta sovente la difficoltà del collegamento orizzontale dei nuovi scarichi verso la colonna verticale. Il punto in cui si desidera collocare il nuovo servizio potrebbe essere troppo lontano per assicurare una pendenza sottopavimento che eviti ristagni.

A questo punto esistono due soluzioni al problema. Pensiamo ad esempio ad un black out o ad un guasto della pompa e il nostro servizio sarebbe immediatamente fuori uso. In altri casi è possibile escogitare soluzioni alternative, che permettano di convogliare le acque in modo naturale con una pendenza adeguata.