Skip to content

JORNADESFOTOGRAFIASOCIAL.COM

Jornadesfotografiasocial

Scarica os x yosemite su chiavetta


2) Dopo aver scaricato OS X Yosemite dal Mac App Store parte e scaricare dal web l'utility “DiskMaker X” (si scarica da qui). È anche. Come ottenere la propria copia gratuita del nuovo sistema operativo di casa Apple e creare un supporto avviabile, utile per installare OS X da zero. Avviare l'applicazione App Store, e connettersi con le credenziali dell'account iCloud, cliccare su OS X Yosemite > Scarica. Guida rapida per creare il DVD o la pendrive di OSX Yosemite per Mac. sistemi operativi su supporti d'installazione fisici come DVD o chiavette USB ma vengono dedicato su MelaRumors con i link per il download gratis di OSX Yosemite. Vuoi installare OSX Yosemite da zero ma non sai come creare un supporto scarica e installa Disk Maker X dal sito ufficiale; inserisci la pendrive e avvia il.

Nome: scarica os x yosemite su chiavetta
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 40.23 MB

A questo punto se volete crearvi una pendrive dell'installer di Yosemite che avete appena scaricato, l'unica cosa è ricorrere alla procedura manuale. La prima cosa è procurarsi una pendrive da almeno 8GB, potete usarne anche una più capiente ma sprecherete lo spazio in più. La seconda cosa è fermarsi subito dopo aver scaricato l'installer dal Mac App Store, perché se procedete all'aggiornamento questo viene cancellato ed è necessario per creare la pendrive.

Per farlo collegatela al Mac e poi lanciate Utility Disco. Trovatela nell'elenco laterale, selezionatela e recatevi nel pannello Partizione. Si potrebbe anche semplicemente formattare, ma vogliamo assicurarci che abbia la tabella di partizionamento corretta. A questo punto cliccate anche su "Opzioni Alla fine cliccate su "Applica" e aspettate il termine dell'operazione che dovrebbe durare pochi secondi.

Immagini, Musica, Filmati: alcune applicazioni come, ad esempio, iTunes, iMovie e Photo utilizzano queste cartelle di default per archiviare tutti i nostri dati. Cosa avviene durante la consolidazione?

Qualora un dato non combaciasse, il documento viene spostato o copiato nella cartella corretta. Applicazioni: uno dei primi passaggi da effettuare una volta completata la formattazione è reinstallare tutti i software che utilizziamo. Capita spesso di dimenticarsi di stilare una lista delle applicazioni che usiamo o, ancora peggio, non avere a disposizione i file di installazione con relativi codici seriali.

Un consiglio: verificate che la versione del software che state utilizzando e quella del file di installazione a vostra disposizione coincidano o siano, quantomeno, compatibili.

Mail: se utilizzate un client di posta come, ad esempio, Mail verificate che sia impostato, come dovrebbe essere di default, per ricevere posta con il formato IMAP. Nel caso in cui, invece, il vostro account sia impostato con il protocollo POP3 dovrete effettuare una copia delle email o delle caselle che non volete perdere.

Impostazioni, configurazioni, varie ed eventuali: prendete nota delle impostazioni e delle configurazioni delle applicazioni che usate maggiormente. Sul Mac App Store è disponibile solo la versione più recente — nel momento in cui scrivo è Yosemite — per cui se necessitiamo di installare una versione precedente dovremmo recuperare il file di installazione in altro modo.

Normalmente negli Apple Store, gli assistenti del Genius Bar hanno anche le versioni precedenti. Figura 1.

Avvio del programma di Internet Recovery. Il tempo di avvio di macOS Recovery dipende dalla connessione di rete in uso, ma nella maggior parte dei casi alcuni minuti dovrebbero essere più che sufficienti Figura 2.

Utilizzando un collegamento Wi-Fi bisognerà scegliere la rete a cui collegarsi e inserire la password relativa. Figura 2. Il programma di macOS Recovery mentre viene scaricato da internet. Figura 3.

SaggiaMente: Recensioni, Guide e Notizie Apple e Fotografia di Maurizio Natali

Reinstallazione di Lion, la versione originale di macOS fornita con questo Mac. Figura 4. E le scorciatoie? La rete pullula di siti da cui scaricare di tutto, dove si trovano facilmente tutte le versioni di macOS pubblicate.

Ma ne vale la pena?