Skip to content

JORNADESFOTOGRAFIASOCIAL.COM

Jornadesfotografiasocial

Scarica xubuntu 12.04 italiano


  1. XPocalypse – AVi LUG
  2. Ubuntu 18.04 LTS disponibile al download
  3. Scratch 2.0 su Ubuntu

ubuntu-it, la Comunità Italiana di Ubuntu, annuncia il rilascio di una È possibile scaricare Ubuntu LTS dalla pagina di download del. Congratulazioni, hai scelto di installare Xubuntu. Se stai avviando l'installazione attraverso l'opzione Try Xubuntu, sentiti libero di esplorare cio' che Xubuntu sta. Download: Release lts Comunità Italiana di Ubuntu Qui Download: Release Xubuntu lts Qui Download: Release Lubuntu lts Qui. 23 Agosto Questa versione contiene già i file di traduzione in Italiano nel CD Live Xubuntu - LTS, Desktop, 32 Bit, Web · Torrent. Xubuntu. i pacchetti in lingua italiana, fin dall'installazione; pacchetto per l'ufficio LibreOffice, che è più conosciuto e Download di Xubuntu XPocalypse Remix

Nome: scarica xubuntu 12.04 italiano
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 29.32 Megabytes

Questa guida sostituisce la precedente su Xubuntu Xubuntu Se seguite passo passo questa guida, e il vostro computer è compatibile con Linux, ottenete un sistema stabile, veloce, ma soprattutto potentissimo, con sopra programmi che vi permettono di fare qualunque cosa, che altrimenti con Windows e Mac sareste costretti a comprare con tantissimi soldi o rubare, che è peggio. Soprattutto, non sarete più ostaggio di brevetti, contratti assurdi e marketing aggressivo.

In sostanza, sarete liberi. Non chiedetemi supporto tecnico per favore.

Usavi Windows XP? Microsoft ti invita ad acquistare un computer nuovo, o a installare una versione successiva di Windows Vista, 7, 8 sul tuo pc.

Dire Linux è dire un sacco di cose insieme. Qui propongo una mia piccola versione di un sistema Linux pensato per gli utenti provenienti da Windows XP. Linux ha un cuore detto kernel, letteralmente nocciolo creato avanti e portato avanti dal suo inventore Linus Torvalds e da una comunità di programmatori volontari distribuita in diversi Paesi del mondo.

La grandissima maggioranza delle distribuzioni sono scaricabili e utilizzabili gratuitamente. La mascotte di Linux è il simpatico pinguino Tux, che vedete qui accanto. Anche sistemi operativi mobili molto famosi sono costruiti attorno al kernel Linux: un esempio su tutti è Android. Linux NON è Windows: i file.

XPocalypse – AVi LUG

Ma in compenso neanche i virus. È gratuito — legalmente! XPubuntu non è una vera e propria distribuzione. È una variante della distribuzione personalizzata da me per renderla esteticamente e funzionalmente intuitiva e comoda per chi ha dimestichezza con Windows XP. Una volta installato, con questo sistema potrai compiere tutte le attività più comuni come ad esempio: navigare in internet per visitare siti e usare Facebook, Twitter o altri social network , inviare e ricevere email , scaricare file dal web, vedere film e ascoltare musica , visualizzare e ritoccare le tue foto , masterizzare CD e DVD, utilizzare programmi di videoscrittura simili a Word o fogli di calcolo simili a Excel.

XPubuntu è una versione personalizzata della distribuzione Linux Xubuntu Xubuntu è a sua volta una variante della distribuzione Ubuntu, utilizzata da milioni di utenti nel mondo e quindi con una enorme quantità di persone che possono fornire supporto e aiuto attraverso forum e siti, gratuitamente e anche in lingua italiana.

Ovviamente basta togliere quelli che non vi interessano:. Occhio perché mentre installa, a un certo punto vi chiede di accettare una licenza — quella di java credo — e lo fa in grafica testuale. A questo punto potreste avere qualche programma non completamente in italiano. Un ultimo tocco: scarichiamo o recuperiamo nei nostri documenti i file vari che usiamo, e diciamo a Xubuntu con quale applicazione predefinita li apriremo. Per farlo è semplicissimo, e procederemo con un esempio: immaginiamo di voler far aprire sempre da VLC gli MP3.

Dal menu a tendina selezioniamo VLC:. Faremo lo stesso con tutti i tipi, ogni volta che un file ci capita a tiro. Serve per controllare e farsi controllare il PC di qualcun altro in remoto, per esempio per dare o ricevere assistenza.

Andate qui e scaricate il. Perfettamente compatibile con i dwg. Prima di tutto aprite il terminale e installate due o tre librerie che occorrono: sudo apt-get install libgstreamer0. Esiste solo per le versioni a 64 bit.

Se avete installato Xubuntu a 32 bit non potete installarlo. Potrebbe dare qualche problema con i repository: ne aggiunge di non funzionanti! Serve per memorizzare varie cose tramite flashcard.

Ottimo per imparare ideogrammi, ho scritto una guida apposita per le lingue orientali su Linux e una più semplice per le lingue orientali in generale sui computer. Ottimo programma di virtualizzazione. Riavviate la sessione. Una volta installate le guest additions, dovete ricordarvi di installarle in ogni macchina virtuale che avete creato. Spesso Virtual Box non funziona più quando escono degli aggiornamenti per Xubuntu che vanno a sostituire il kernel.

Basta lasciarne solo una. Nel caso alcuni file non si aprano bene, potete provare con questo software, gratuito ma non libero.

Il file. Dovete semplicemente scaricare il file. Quindi OK se incappate in una delle poche incompatibilità di Libreoffice, ma per tutto il resto usate Libreoffice, ve lo raccomando. Off topic: per Android invece WPS ve lo consiglio davvero caldamente. È proprio la suite completa di Offoice, totalmente gratis, sul cellulare. Probabilmente al primo avvio vi dirà che alcuni caratteri non sono installati. Li trovate in questo zip: caratteri mancanti Microsoft. Infine potete seguire queste ottime istruzioni per installare il dizionario italiano su WPS Office.

Cliccandoci sopra se prima avete installato Java ovviamente, come indicato in questa guida , Java Web Start dovrebbe partire, caricare il programma che ha estensione.

Xubuntu vi crea già un lanciatore al programma, da usare nel menu o da aggiungere al pannello. Per Spotify basta seguire le istruzioni sul sito Linuxconfig. Sono solo per versioni a 32 bit. Con la tecnologia Snappy invece sarà come installarlo davvero e potrete controllare se ci sono aggiornamenti. Tuttavia con Snappy la versione al momento disponibile è più aggiornata di quella dei repository ma non come quella standalone presente sul sito.

Inoltre non è tradotta in italiano. Quindi non ci resta che andare sul sito di Krita e scaricare il file. Facendo doppio click sul file a questo punto partirà Krita. Piuttosto spesso peraltro. Ma ne vale la pena perché Krita è davvero una bomba. Pensate che al suo confronto, Photoshop Essential è un programmino per bambini, e che è gratis e libero. Per installarlo è quindi sufficiente installare prima Snap se non lo si è mai fatto prima:.

Non ci sono screenshot perché do per scontato che sapete dove trovare le cose, come le impostazioni, il terminale, eccetera. Per installare una lingua aggiuntiva andate su Supporto Lingue. Dovrete poi impostare le stesse cose per ogni utente nel caso essi siano di lingue differenti.

Potrete quindi avere un utente completamente in cinese, o uno in italiano ma con input giapponese, e via dicendo. È consigliatissimo caricare questo font, esterno, che contiene in buona calligrafia tutti i caratteri, sia tradizionali che semplificati: KaiTi.

Qui trovate un elenco di applet da aggiungere al pannello. Quelle che uso maggiormente sono:. Indicatore del carico del sistema — Serve per vedere se il sistema è sovraccaricato o meno. Per sapere il nome, aprite il terminale e digitate ifconfig seguito da invio.

Vi dà un elenco di dispositivi di rete. Il mio wifi per esempio si chiama wlp3s0. O dà un elenco di programmi e script da lanciare, come un menu aggiuntivo.

Io lo uso molto come cassetto per lanciare alcuni script che vedremo in seguito. Qui appare un elenco vuoto di applicazioni o script da lanciare. Mostra scrivania — Il classico bottone che riduce a icona tutte le applicazioni.

Per eliminare il tearing durante la riproduzione di video fastidioso effetto in cui sembra che ci sia una riga orizzontale che attraversa lo schermo mentre nel video la telecamera si muove da sinistra verso destra o viceversa , è necessario installare Compton, un gestore di Composite in pratica le trasparenze e le ombre. Arandr è un vecchio tool che accende spegne e configura gli schermi multipli. È molto comodo perché oltre a essere molto intuitivo, permette di salvare in uno script la configurazione.

Facciamo come al solito un esempio. Collego al portatile uno schermo, per esempio la mia TV di casa, che è di una marca inventata per non fare pubblicità, la Panafunken.

Ubuntu 18.04 LTS disponibile al download

Lancio arandr e configuro il tutto in modo che la TV stia alla destra dello schermo del portatile, con risoluzione massima. Il file vi consiglio di salvarlo in una cartellina apposta, magari dentro Documenti, chiamata Script, dove terremo tutti gli script. Il file deve avere tassativamente estensione. Ora, ritorno in Arandr e spengo tutto, mantenendo acceso solo lo schermo del portatile. Premo la V per applicare il layout, e salvo lo script col nome di spegni-tv. Oppure, cosa ancora più comoda, posso creare un lanciatore nel pannello, che lancia tutti gli script.

Abbiamo imparato poco sopra a crearne uno. Basterà premerlo per avere un elenco di script, per lanciarli comodamente come se fosse un menu. Creiamo il primo, quello per disabilitare ogni compositor.

Con Arandr questo passaggio non era obbligatorio poiché Arandr salva già gli script come eseguibili. Io uso molto Drive e Documents, quindi è comodo averli lanciabili dal menu o dal desktop o direttamente dal pannello. Purtroppo Google non ha ancora rilasciato un client ufiiciale per Drive.

La soluzione precedente utilizzata in questo sito, Grive, non è più disponibile. Esistono molte alternative, ma nessuna sia gratis sia che permetta la gestione di più account contemporaneamente.

Tornate presto su questa pagina per avere qualche soluzione testata. A presto! Potete anche usare wget al posto di aria2, ma al momento in cui scrivo, wget per molti indirizzi crasha con un laconico errore di segmentazione.

Per rendere disponibili cartelle nella rete domestica, per tutti i sistemi operativi compresi gli smartphone, con permesso esclusivo tramite username e password o disponibili per tutti senza autenticazione, è sufficiente installare samba e un comodo tool grafico per configurarlo: sudo apt-get install system-config-samba. Se siete solo voi sul computer in effetti la cosa è completamente priva di rilevanza. Decidete anche se la condivisione deve essere in sola lettura o anche in scrittura.

Potete anche dare un nome diverso alla condivisione, nonché una descrizione. Provate ad attaccare la stampante e vedete se ve la vede.

Linux non ha bisogno di driver, dovrebbe vedervi già tutto subito.

Se il sistema vi piace potete pensare di installarlo. Se non usate Firefox e Thunderbird, vi conviene installarli e importare i preferiti e la posta. Spalmandoli su Xubuntu riavrete tutto. Dovrebbe aprirvelo automaticamente.

Cliccateci sopra due volte per entrarvi. In entrambi i casi troverete questa schermata:. Selezionate la lingua italiana 1 e premete Avanti 2 :. A questo punto vi chiede che tastiera usate.

Se siete puristi del software libero come il sottoscritto, non selezionate questa opzione, ma rinunciate a leggere formati proprietari.

Premete Avanti 3. Ci sono altre opzioni, per affiancare i sistemi per esempio. Ma sono per esperti e non sempre funzionano. Qui vi chiede la conferma finale. Ora vi chiede dove siete:. Ora vi chiede di inserire il vostro nome utente. Questa schermata è importante: 1- Qui mettete il vostro nome per esteso.

In genere non ci vanno spazi. Per esempio: Linux-Laptop 3- Qui mettete il vostro nome utente. Va senza spazi e caratteri strani, tutto minuscolo. Per esempio: pippo 4- La password va ripetuta due volte. Se è troppo facile è un attimo entrare nel vostro PC per poter commettere crimini usando la vostra identità e il vostro indirizzo no, ai criminali informatici non interessano le cose che avete sul PC, interessa la vostra identità, ecco perché occorre sempre avere una buona password.

È importante altrimenti ve la scordate. E in Linux prima o poi ve la chiede per cose importanti. Inoltre è tutto più sicuro. Non selezionate la cifratura del disco perché se vi capita qualcosa e dovete recuperare il sistema, se è tutto cifrato è difficilissimo fare dei recuperi.

Dopo qualche minuto il sistema è installato. Molte schermate di questa guida sono state fatte con Xubuntu 16, ma su 18 è identico. Vi basterà inserire la password e premere invio per essere nella Scrivania:. Vedremo in seguito come accedere ai file non visibili.

Il tasto del menu è in alto a sinistra il topino. Premendolo avrete un elenco dei programmi preferiti, e un elenco di categorie sulla destra.

Premendo sulle categorie vedrete tanti altri programmi. Collegatevi al wifi o al router con un cavo. Cliccando su una di esse 2 vi chiede la password e poco dopo potrete navigare. Il sistema controllerà se ci sono parti da aggiungere:.

Se ce ne sono, vi chiederà di installarle:. Vi appare la finestra di modifica del pannello.

Il menu si comporterà come quello di Kubuntu o di Windows:. Non cercate di installare. Eccoci nel nostro store:. Proviamo a cercare un CAD 1 : ce ne sono parecchi. Proviamo a installare LibreCAD 2. Proviamo a usare il terminale: su Linux potete fare tutto anche da terminale, invece di usare la grafica.

È più veloce e si danno istruzioni più in fretta. Per aprire il terminale basta aprire il menu, lo trovate subito tra i preferiti:. Ci basta scrivere:. Ci chiederà la password:. Ora mettiamo la password e non preoccupiamoci se non scrive nulla! È un vecchio sistema di sicurezza che serve per non far sapere nemmeno di quanti caratteri è composta la password… Voi inseritela alla cieca e premete invio.

Premiamo s e battiamo invio. Se siamo collegati a internet, Xubuntu va a scaricare tutti i software necessari e li installerà con una velocità a cui chi viene da Windows non è decisamente abituato. Troverete ovviamente Inkscape adesso tra i programmi nel menu.

Ma Xubuntu, come fa a sapere dove andare a scaricare le applicazioni che gli chiediamo di scaricare e installare? Per problemi di copyright e licenze varie, Xubuntu non nasce con tutti i repository possibili abilitati.

Bisogna che ne abilitiamo alcuni a mano. Ci chiederà anche la password; mettete sempre quella che usate per entrare. Questi sono i repository in cui stanno molti dei software con problemini di licenza ma fondamentali per alcune persone.

Abilitando questi repository noi adesso non stiamo installando nulla, ma stiamo ampliando il parco software potenziale. Conviene backuppare tutto e installare da zero. Provate, se non funziona più niente tornate ai driver di prima. A questo punto apriamo il terminale a aggiungiamo a mano altri repository utili. Servono per tenere sempre aggiornate alcune applicazioni che su Xubuntu non verranno più aggiornate.

Dopo aver aperto il terminale scriviamo:. Alla richiesta, premiamo Invio. Per toglierlo, basta scrivere:.

Questo non toglie Libreoffice ma toglie la fonte di Libreoffice. Quindi se disinstallerete Libreoffice e poi lo reinstallerete, non installarete la versione presa dai PPA di Libreoffice, ma da quelli predefiniti di Xubuntu, quindi una versione meno recente.

A questo punto possiamo vedere se ci sono applicazioni che possono essere aggiornate, nonché parti del sistema. Xubuntu a differenza di Windows si aggiorna tutto insieme, sistema e applicazioni. Su Xubuntu con un semplice piccolo comando aggiorniamo tutto, sistema e applicazioni. Ecco il comando:. Ora che sapete usare il terminale, potete disabilitare Apport, un software che a ogni piccolo inceppo di qualsiasi programma vuole segnalare il bug.

È solo per sviluppatori.

Scratch 2.0 su Ubuntu

Ora possiamo davvero riavviare. Ecco il comando: sudo reboot. Collegate il disco in cui avete copiato tutti i file.